RSS Feed

Navighiamo in acque di parole

6 marzo 2012 by La Snorky

Le cuffie con microfono

(cc) foto di rukanetto

Prima ancora di cominciare a lavorare come operatrice di call center, se pensavo a quel tipo di lavoro, a un simbolo che lo rappresentasse, non avrei avuto dubbi nell’indicare la cuffia, quella col microfono che parte da uno degli estremi e arriva vicino alla bocca. Non ho cambiato idea neanche quando ho cominciato a indossarla. Ascoltare e parlare, le due azioni principali di quel tipo di lavoro, racchiuse in uno strano e sofisticato oggetto che diventa accessorio del tuo corpo e della tua professione. Mi ha ricordato subito un cartone animato della mia generazione, gli Snorky, quei simpatici esseri colorati col testone tondo e gli occhi grandi che popolano e difendono le profondità dell’oceano. In testa avevano una specie di protuberanza, un respiratore, lo snorkel, che viene usato appunto per respirare e per emettere suoni. La bacchetta del microfono della cuffia a me ha ricordato quel respiratore. Al di là dei ricordi d’infanzia e della simpatia per tali personaggi, devo dire che la similitudine della cuffia con lo snorkel ha qualcosa di reale. La cuffia con microfono è uno degli strumenti base di questo lavoro. La cornetta del telefono, difatti, non consente di avere entrambe le mani libere per prendere appunti o lavorare al computer, e per di più invita a posizioni non corrette per la postura che a lungo andare creano danni a collo, schiena, in generale a tutte le articolazioni. Le cuffie di buon livello non hanno costi bassi, ma merita investirci. Una cuffia con microfono che funziona bene ha effetti positivi su molti indicatori di rendimento sulle chiamate e sulle risposte e sopratutto incide sul benessere e la salute dell’operatore. L’udito e la voce sono due punti deboli per la salute degli operatori di call center e si puo’ ridurre il rischio di danni proprio dotando i lavoratori di strumenti adeguati e con alte prestazioni. Proprio per il contatto ravvicinato con bocca, orecchie, e quindi con l’apparato respiratorio, la cuffia-microfono deve essere uno strumento strettamente personale, al pari dei dispositivi di protezione e prevenzione nei luoghi di lavoro. Potete immaginare cosa rischiano gli Snorky senza il tubo funzionante? Ce li vedete che se lo staccano dalla testa e se li passano fra loro? Navighiamo in acque di parole e per poter correttamente respirare e non rischiare nelle profondità, sarà meglio dotarsi di cuffie-microfono funzionanti, pulite, personali. Ho scoperto che noi usiamo le “Plantronics Supra Plus” (ditemi voi se anche questo non somiglia a un linguaggio da Snorky), biaurali (con due orecchie) con cancellazione di rumore.

Print Friendly

Nessun commento

No comments yet.

Sorry, the comment form is closed at this time.