RSS Feed

Questione di mappe mentali

9 ottobre 2012 by La Snorky

Incomprensioni su una via

(cc) foto di gaspa


–       Dove le mando il contratto?

–       In via Bdrtgfciani

–       Come?

–       Bdrtgfciani

–       Signora mi fa lo spelling, me lo può dire lettera per lettera?

–       Bdrtgfciani

–       Sì, ma non capisco. Se invece mi dice ogni lettera con l’iniziale di una città…

–       Via Bdrtgfciani

–       Sì, B di Bologna, poi?

–       Bdrtgfciani

Guardo la collega accanto alla scrivania scuotendo la testa. Le faccio capire che la signora al telefono è straniera e non ci capiamo.

–       Se non scrivo bene l’indirizzo poi non le arriva il contratto

–       La via è Bdrtgfciani

–       Sì, mi prova a dire le lettere come le città. Le dicevo inizia con B di Bologna, giusto?

–       Non capisco

–       È sola in casa? C’è qualcuno che la può aiutare?

–       Vicina, aspetta.

Sento passi e una porta che si apre. Sento il suono di un campanello. Sento la voce della cliente che pochi secondi fa parlava con me, chiedere aiuto. Sento un’altra voce di donna, che decisa dice, passa a me.

–       Pronto signora?

–       Sì, ci sono.

–       Stavo parlando con la cliente. Ho bisogno di scrivere la via…

–       Dove stiamo?

–       Sì

–       Via Bdrtgfciani

–       Ecco, però per non sbagliare, me la può dire con le iniziali delle città. B di Bologna, poi?

–       No, ma via Bologna è da tutt’altra parte eh, qua siamo in via Bdrtgfciani

Chino il capo. La collega che sente le mie risposte mi guarda accigliata. Le faccio capire che non ci siamo, poi dopo un respiro ricomincio.

–       Non intendevo dire via Bologna, ma la via dove state. Siccome non capisco come si scrive, me la può dettare lettera per lettera. Inizia con B di Bologna, poi?

–       B … O…L…O….G….N…A

I gomiti mi cascano sulla tastiera. La collega, pur non sentendo la risposta dall’altra parte del cavo, ride.

–       Mi sta dicendo Bologna. Me lo dice così, scandendo lettera per lettera per  la vostra via?

–       Ah, ma vuole sapere dove stiamo ? Mi sa che lei non capisce nulla signorina.

Aiuto! Adesso, sono io che non capisco. Come posso farcela a andare avanti in questa assurda conversazione?

–       Sì, sì, questa non capisce proprio.

La signora, vicina di casa della cliente sta parlando con me e allo stesso tempo con la cliente straniera. La consola che sono io quella che non intende.

–       Senta noi stiamo in Via Bdrtgfciani, che non è tanto distante da Via Roma, ha presente?

–       No, signora. Non ho idea. Rispondo da un’altra città. Ma non mi importa sapere dove è la via, ma come si scrive…

–       Ma perché vuole sapere la via, allora? Non deve venire qua?

–       No, devo spedirle un contratto

–       Oh, ma che parla italiano? Perché non capisce nulla questa?

Io che non capisco nulla? La collega ha la mano sulla bocca per trattenere le risate.

–       Senta noi non abbiamo bisogno di nulla, quindi alla fine non le deve interessare neanche dove stiamo.

–       No, aspetti, mi ha chiamato la cliente. È lei che ha bisogno che le spedisca il contratto. Me la può ripassare?

–       Sì

Sento che le passa il cordless. E mentre lo fa, le dice – questa è più straniera di te, non ci si intende proprio- Mi immagino un’anziana sul pianerottolo un po’ tremolante.

–       Signora le spedisco il contratto in via Bdrtgfciani?

–       via Bdrtgfciani, sì.

–       Ok.

–       Capito?

–       No, ma ci proviamo. Se entro una settimana non le arriva a casa richiami, magari con un altro indirizzo.

–       Va bene. Grazie eh.

–       Di niente, si figuri.

La collega mi mette una mano sulla spalla. La guardo e togliendomi le cuffie, le dico – Lo sai vero? Questo contratto non arriverà mai –

 

 

Print Friendly

Articoli che potrebbero interessarti:

    CF come codice fiscale

Nessun commento

No comments yet.

Sorry, the comment form is closed at this time.