RSS Feed

Posts Tagged ‘centralinista’

  1. Quando mi regalarono due telefoni rossi

    febbraio 6, 2012 by La Snorky

    Dalla figura della centralinista a quella dell’operatore del call center

    Foto (CC) di Horradin

    Quando ero piccola mi regalarono due telefoni rossi, di quelli bombati, con la cornetta unita al corpo da un filo a spirale e il cerchio che scorreva per comporre il numero. I due telefoni erano collegati da un cavo nero di qualche metro. Le mie dita piccole entravano con facilità nei fori dei numeri. Il telefono aveva uno squillo potente e un tasto trasparente che si illuminava di arancione quando squillava. Il gioco consisteva semplicemente nel chiamarsi e parlarsi. Passavo così delle giornate a giocare con un’amica. Alcune volte si imitava Raffaella Carrà e il suo quiz televisivo che chiedeva ai telespettatori di indovinare quanti fagioli ci fossero in un contenitore. Altre volte invece si giocava a fare le centraliniste. Facevamo finta di lavorare in alcuni uffici, ci passavamo i rispettivi capi, ci inventavamo compiti e storie. Ai tempi in cui eravamo piccole, fare la centralinista non era un lavoro così deplorevole, anzi forse per tante era pure ambito.  Un lavoro per donne, cercato dalle donne. Senza internet e senza altri canali, la centralinista era la prima persona con cui un’impresa aveva rapporti con l’esterno. Era la sua voce, il segnale dell’esistenza di un ufficio, di un servizio, di un luogo di lavoro.  La centralinista spesso rivestiva anche i panni della segretaria, prendeva appuntamenti, gestiva agende, incontri, orari, dava informazioni. Spesso poteva anche ambire a fare carriera all’interno dell’impresa. L’immagine di un lavoro pulito, non faticoso e neanche troppo stressante,  compreso il clichè di una figura incline a diventare l’amante del capo, era alimentata da narrativa, teatro, cinema e telefilm. Occhiali, tailleur, lima per le unghie e rivista da sfogliare. Così la immaginavo anch’io da piccola quando giocavo col telefono rosso. Poi sono arrivati i call center, gli operatori al telefono e la centralinista, al confronto, è come impallidita, evaporata.  (more…)